blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

Sorbitolo da zucchero ad arma letale

Massimilla Manetti Ricci avatar Martedì 27 Marzo 2012, 08:45 in Farmaci e Società di Massimilla Manetti Ricci

Il sorbitolo da farmaco è diventato arma letale perché il web non garantisce! La contraffazione è continua.

sorbitolo.jpg

Che cos'è che fa diventare improvvisamente un normale zucchero dolcificante una micidiale arma letale che ha stroncato una 29enne?

Eppure il sorbitolo, lui, l'imputato è presente al posto del comune zucchero in vari farmaci anche da banco come gli sciroppi.

Il sorbitolo però, non il nitrito di sodio che dalle analisi effettuate sui barattoli acquistati online risulterebbe presente al posto dello zucchero.

La netta differenza tra bene e male la fa il contenuto di quel prodotto che il web non certifica.

Certo, perché lo abbiamo detto tante volte che internet è tutto fuorchè sicuro per l'acquisto senza regole dei medicinali.

Ma ciò che più sconcerta è apprendere che l'acquisto non è stato fatto da sprovveduti ed ingenui utenti, ma da medici veri e propri (per modo di dire).

E a rincarare ancor di più la dose ci si mette anche una ricerca di Aifa e Fimmg che ha rilevato come su 613 medici di famiglia solo 1 su 4 sa che è illegale comprare medicine sul web.

Questi camici bianchi mi pare siano un pò grigio fumo!

Dunque sembrerebbe anche che l'acquisto dei farmaci su E-Bay non fosse neanche la prima volta per i due sciagurati medici indagati.

L'attrattiva per farmaci online è dimostrata dal numero crescente di finte farmacie dove si può acquistare il prodotto (prodotto, non farmaco perché li dentro o non ce n'è, o è contaminato o è tagliato con altre sostanze estranee).

E' un business da capogiro: investire 1 euro nei farmaci contraffatti,  può portare a guadagnare fino a 2.500 euro.

Per la droga il rapporto è, invece, di 1 a 16.

In pratica, con i farmaci si può guadagnare fino a 150 volte di più che con lo spaccio di stupefacenti.

E' il generale dei Nas, Cosimo Piccino, in occasione di un seminario organizzato dall'Aifa lo scorso novembre a sottolinearlo.

Ma perché si acquista via web?

Sicuramente per comodità, senza richiesta di prescrizione e con un recapito direttamente a casa.

E poi per la possibilità di aquistare farmaci che attirano attenzione e curiosità come quelli per la disfunzione erettile o quelli per dimagrire o ad effetto dopante, con l'aggravante che talvota si tratta anche di principi attivi ritirati dal commercio perchè ritenuti  pericolosi, quali il reductil (sibutramina) o il rimonabant (acomplia).

Certo è che l'Italia è stato il primo paese d'Europa ed uno dei pochi a livello mondiale a creare una task force trasversale fra le Amministrazioni interessate alla contraffazione dei farmaci, l'IMPACT ITALIA, il cui sito è stato inaugurato a dicembre 2009, ed è altrettanto vero che sempre la nostra Italia è ai primi posti in Europa nell'acquisto di farmaci contraffatti, con un mercato di 3 miliardi l'anno, pari ad un terzo di quello complessivo europeo vicino a 10,5 miliardi di euro, secondo una ricerca del 2009 commissionata da Pfizer e denominata Cracking Counterfeit.

Un italiano su 5 non sa di mettere a rischio la propria salute comprando online senza prescrizione medica.

E alcuni camici bianchi nemmeno!

Se vi è piaciuto il post potete seguirci su Facebook o su Twitter.

LINK UTILI

 

Che cos'è il Sorbitolo: tutte le informazioni utili.

Sorbitolo vendita eBay: a Barletta muore donna dopo test, è allarme farmaci online.

3
3 commenti
3
27 Mar 2012
alle 23:25

Luigi Gallo

Grazie, adesso ho capito. Quindi probabilmente una grave incuria o un tragico errore, più che una storia di contraffazione di farmaci.

P.S. Anche se mi faccio sentire poco, continuo a seguirti. A presto :)

2
27 Mar 2012
alle 22:53

massimilla manetti ricci

Ciao Luigi, che piacere risentirti! da quanto ho letto il sorbitolo acquistato serviva per una prova di intolleranza alimentare. Il punto è che al posto dello zucchero c'era il nitrito di sodio per errore di etichetta. In questo caso poi non sarebbe stato usato come eccipiente, ma come rilevatore di intolleranza. Come eccipiente è presente in molti farmaci al posto dello zucchero comune e può avere effetti lassativi. 

 

1
27 Mar 2012
alle 18:39

Luigi Gallo

Scusa Massimilla, ma in tutto questo (giusto) can can mediatico contro i farmaci contraffatti, non sono riuscito a capire se 'sti medici avevano acquistato del sorbitolo (che è un additivo, non un farmaco) oppure un farmaco contenente sorbitolo. Tu lo sai? Grazie, LG


Attendere la pubblicazione del commento
Post in evidenza su Blogosfere